Site Loader

Gli amanti del nuoto ricorderanno con grande passione il Water Cube, che ha visto il trionfo della Divina, Federica Pellegrini, ai Giochi Olimpici del 2018. La vasca, oggi, è stata trasformata in un palazzo del ghiaccio per le Olimpiadi Invernali Bijing 2022. Il Water Cube di Pechino, infatti, ospitò allora le gare di nuoto, dei tuffi e sincro dei Giochi Olimpici Estivi. Ha dunque “cambiato” nome e veste, dal Water Cube all’Ice Cube. Il motivo? Per il torneo di Curling dell’Olimpiade invernale.

Il Water Cube diventa l’Ice Cube

Ci sono dei luoghi che evocano sensazioni precise: chi sente la parola Water Cube non può non ricordare il trionfo della Divina. Tuttavia, c’è da dire che questo posto è “speciale” per tanti motivi. Possiamo non menzionare l’incredibile impresa di Michael Phelps, che riuscì a conquistare ben otto medaglie d’oro? Fu in grado di superare un record, quello di Mark Spitz

Noi italiani, tuttavia, abbiamo anche la nostra parte di ricordi e di emozioni legati al Water Cube: da Federica Pellegrini ad Alessia Filippi, abbiamo portato a casa un Oro e un Argento. Ma quali sono le differenze tra le due strutture al giorno d’oggi? 

Water Cube e Ice Cube, le differenze

Se da una parte il Water Cube aveva una capienza totale di 17000 spettatori, dall’altra l’Ice Cube ha chiuso le porte a più della metà: infatti, solamente 6000 persone possono assistere alle sfide. Tuttavia, c’è da dire che nel corso degli anni è stato più volte “modificato”. I Giochi del 2008, infatti, gli hanno poi dato nuova linfa, trasformandolo in un Parco Acquatico. 

In quel caso, potevamo trovare non solo degli scivoli d’acqua, ma persino della sabbia: sembrava di stare in un vero e proprio paradiso tropicale. Per non snaturare comunque il posto, la piscina principale – così come quella di allenamento – rimasero uguali. Naturalmente, oggi non si possono usare, poiché sono state “bloccate” dalla gara di curling

Il rinnovo è stato pensato nei minimi dettagli

L’obiettivo non era “cancellare” il Water Cube, che di storia ne ha vista e vissuta. L’Ice Cube, infatti, è per ora da intendersi come un “sostituto”, che naturalmente ridarà il suo posto al Water Cube. I funzionari hanno scelto di progettare il tutto nei minimi dettagli. La struttura è infatti convertibile: può essere utilizzata per la gara di curling, ma la piscina non è stata in alcun modo toccata o modificata. O almeno, per il momento è stata assemblata per ospitare la superficie di curling, ma, una volta finiti i giochi, potrà essere riconvertita nella sua funzione principale in un mese circa. Del resto, anche l’Ice Cube vedrà come protagoniste delle italiane, come fu per la Pellegrini e la Filippi: ci riferiamo a Costantini e Mosaner

L’articolo è stato offerto dal blogger Enzo Anghinelli, che oggi cura il suo sito web con un team di appassionati tifosi di sport e…di Milan!

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *